Home    Mappa del sito    Contatti  
 
     
     

 

 
 

04-05-2021

Approvato il Bilancio 2020 della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini

   
 

 

1,6 milioni di euro investiti negli ultimi 3 anni

Approvato il bilancio 2020 della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini

In corso il rinnovo degli organi collegiali con l’apporto di enti, associazioni e ordini del territorio

 

Rimini, 4 maggio 2021 - Il Consiglio Generale, con il parere favorevole dell’Assemblea dei Soci, ha approvato all’unanimità il bilancio della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini per l’esercizio 2020.

Pur in un anno così fortemente segnato dall’emergenza sanitaria, la Fondazione ha svolto un’intensa attività, in particolare nell’ambito sociale, finanziando 24 interventi – a Rimini e in altri comuni dell’area provinciale - per un ammontare complessivo di 549.000 euro. Ha potuto avvalersi, in tale attività, anche della collaborazione di Crédit Agricole Italia e dell’Associazione tra fondazioni di origine bancaria dell’Emilia Romagna, attraendo quindi sul territorio locale anche importanti apporti esterni.

Spiccano, tra i progetti sostenuti, gli interventi a favore: dell’Ospedale Infermi di Rimini per la dotazione di attrezzature su 14 postazioni di terapia intensiva; del Fondo del Lavoro per il potenziamento delle attività di sostegno all’occupazione locale; della Caritas per il servizio di mensa e assistenza di persone in difficoltà economica; di alcune associazioni, in diversi comuni della provincia, che si occupano di disabilità e assistenza. Oltrechè, naturalmente, l’annuale forte impegno verso Uni.Rimini a supporto del Campus locale dell’Università di Bologna.

Abbiamo voluto dare un segnale di particolare attenzione verso i tanti e crescenti bisogni delle comunità locali del nostro territorio, oggi ancora più in difficoltà a causa degli effetti, anche economici, della pandemia” – sottolinea Mauro Ioli, che proprio nel 2020 è stato eletto per un quadriennio alla Presidenza della Fondazione.

Negli ultimi 3 anni, la Fondazione ha investito sul territorio riminese 1,6 milioni di euro, confermando il proprio ruolo di interlocutore privilegiato del terzo settore e di partner dei principali percorsi innovativi in atto a livello locale.

Con l’approvazione del bilancio giunge a scadenza anche il mandato 2016/2021 del Consiglio Generale (organo con compiti di indirizzo). La Fondazione sta procedendo al suo rinnovo. A seguito delle designazioni effettuate dai soggetti privati e pubblici del territorio, previsti dallo statuto, il nuovo Consiglio Generale risulterà composto da 14 membri, e precisamente:

Aleardo Cingolani, Alduino Di Angelo, Patrizia Ghetti, Massimo Panozzo, Paolo Pasini, Miranda Pironi, Stefano Pivato, designati dall’Assemblea dei Soci;

-  Ilaria Balena, designata dal Sindaco del Comune di Rimini;

Luigi Bonadonna, designato dal vescovo della Diocesi di Rimini;

Marco Ciavatta, designato dalla Camera di Commercio della Romagna;

Matteo Bartolini, tratto dalla terna presentata dal Comune di Riccione;

Sergio De Sio, tratto dalla terna presentata dall’Associazione Meeting per l’Amicizia tra i Popoli di Rimini;

Luigi Sartoni, tratto dalla terna presentata dal Centro Servizi per il Volontariato – Volontarimini;

Stefano De Carolis, tratto dalla terna presentata dall’Ordine dei Medici e Chirurghi della provincia di Rimini.

Poiché soltanto 6 di tali nominativi hanno fatto parte del Consiglio oggi in scadenza, “si è di fronte ad un ampio rinnovamento che potrà recare nuove energie e competenze nell’organo deputato a tracciare le linee strategiche della Fondazione”, ricorda Mauro Ioli.

Il nuovo Consiglio Generale verrà insediato entro il mese di maggio. A lui spetterà poi il compito di eleggere i componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio dei Revisori, essendo anch’essi in scadenza.     

 
  Torna all'elenco